Come risolvere il problema dell’Equilibrio Asimmetrico

equilibrio-asimmetrico-consulenza-seo-bologna-ferrara-cento-creazione-siti-web-creazione-loghi-immagine-coordinata-raffaele-de-sandro-salvati

Uno dei problemi più difficili da risolvere per un graphic designer è quello di ottenere l’equilibrio asimmetrico all’interno di una composizione.

Il nostro mondo visivo non è mai simmetrico. Infatti la maggior parte dei progetti non suggeriscono una soluzione simmetrica e la simmetria esiste solo quando un oggetto viene visto in modo isolato dal suo ambiente.

E’ anche interessante notare che gli oggetti in un ambiente naturale apparentemente simmetrici sono, in molti casi, davvero esempi di equilibrio asimmetrico (come il volto di un essere umano).

Asimmetria significa senza simmetria. Significa che non ci sono elementi speculari all’interno di una composizione. Il termine di solito è usato per descrivere una sorta di equilibrio che non si basa però sulla simmetria ed è definito equilibrio asimmetrico.

Senso di equilibrio

Entra in gioco il senso di equilibrio. Non esistono formule magiche per raggiungere un equilibrio asimmetrico (o equilibrio informale) ed il designer deve far percepire all’osservatore che la composizione è comunque equilibrata.

Dove si concentra la tua attenzione quando guardi un’immagine? Se sembra orientarsi in modo più o meno uniforme, probabilmente c’è equilibrio. Se invece ti sembra di osservare o ritornare con l’occhio in una precisa area (magari non è neanche il centro della composizione), ci potrebbe essere qualcosa che non funziona.

Un modo per raggiungere l’equilibrio asimmetrico è quello di avere più o meno degli elementi interessanti distribuiti in modo casuale in tutto lo spazio grafico. L’effetto è simile alla caduta dei coriandoli su un’area delimitata. L’obiettivo quindi, è creare interesse uniformemente distribuito.

Nel progettare con troppa simmetria si rischia di sembrare uguali e di uniformarsi poiché non c’è abbastanza varietà. Il design può diventare anche noioso.

equilibrio-asimmetrico-consulente-seo-bologna-ferrara-cento-creazione-siti-web-creazione-loghi-immagine-coordinata-raffaele-de-sandro-salvati

È possibile quindi osare creando equilibrio con asimmetria. Un piccolo oggetto visivamente interessante è in grado di bilanciare un grande oggetto molto meno interessante. A volte ci vuole davvero poco per bilanciare qualcosa. Ad esempio, lo spazio negativo ha interesse visivo se usato correttamente.

E’ necessario regolare le dimensioni, le proporzioni, le forme, i colori ed il posizionamento degli elementi.

Progettare con equilibrio asimmetrico consente una maggiore libertà nella creatività ma non bisogna far finta che non si potrebbero incontrare difficoltà. Queste possono essere superate con il posizionamento accurato degli oggetti e l’uso di altre tecniche legate alla percezione visiva, seguendo i princìpi della Psicologia della Gestalt.

Attenzione, l’equilibrio asimmetrico può facilmente ingannare ed illuderti che hai raggiunto equilibrio nella composizione mentre nel frattempo qualcuno ti fa notare che hai semplicemente combinato un pasticcio!

Quindi, un buon modo per testare e sviluppare il senso e la capacità di creare equilibrio asimmetrico è quello di mostrare il tuo lavoro agli altri e discutere di ciò che essi percepiscono.

Conclusioni

L’asimmetria suggerisce movimento ma non garantisce un design vivace e dinamico. Si può creare ordinando ed equilibrando tra loro, elementi differenti o disuguali. La struttura è più flessibile rispetto ad una con equilibrio simmetrico e permette una maggiore libertà di collegare i contenuti.

Il design asimmetrico offre grandi soddisfazioni ma chiede all’artista disciplina, comprensione e sensibilità. Qualità che miglioreranno con la conoscenza e l’esperienza.

Conosci i miei servizi?

SCOPRI

Posted on 6 novembre 2015 in Graphic Design

Share the Story

About the Author

Mi chiamo Raffaele De Sandro Salvati, sono nato a Foggia ed ho compiuto 25 anni, venti anni fa.

Ho iniziato ad occuparmi di computer grafica, 3D design e computer animation nel 1992.

Due anni dopo effettuo le prime esperienze di computer art, progettazione grafica nel campo editoriale e pubblicitario e trasferitomi a Bologna, dal 1996 al 2000 ho svolto la libera professione nel settore immagine e promozione interessandomi di grafica web and multimedial design per cd-rom interattivi.

Dal 2000 e per 11 anni ho prestato servizio presso un’azienda commerciale bolognese come controller, esperienza che mi ha permesso di conoscere l’organizzazione ed il funzionamento di tutti i processi aziendali. Trasferitomi a Cento, provincia di Ferrara, nei tre anni a seguire mi sono occupato di Comunicazione Politica, Associativa e Web per associazioni no-profit.

Dal 2015 mi occupo di tutto quello che riguarda le problematiche legate all’analisi, l’implementazione e le strategie di comunicazione e promozione di una qualsiasi attività su Internet.

Back to Top

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per rendere la tua navigazione piacevole. Non utilizza cookie di profilazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su 'Maggiori Informazioni'. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi