L’innocenza del gatto dispettoso

gatto-dispettoso-pensiero-laterale-consulenza-seo-bologna-ferrara-cento-creazione-siti-web-creazione-loghi-immagine-coordinata-raffaele-de-sandro-salvati

Nel Graphic Design, non ci sono risposte giuste o sbagliate. Da un lato questo è positivo ossia, per ogni nuovo progetto non ci sono limiti alla creatività. Dall’altro, può essere scoraggiante: come facciamo a sapere che quello che stiamo creando non è una completa schifezza?

Inoltre, durante lo svolgimento di un progetto grafico si lavora spesso con scadenze rigide e budget contenuti. Queste pressioni possono compromettere la qualità della creatività e la difficoltà di trovare in modo efficiente le soluzioni ad eventuali problemi che si possono improvvisamente incontrare.

Se hai gli strumenti giusti è possibile pensare in modo creativo e rispettare le scadenze. Oltre le tecniche tradizionali come la ricerca, le collaborazioni, ecc mi piace utilizzare un piccolo strumento chiamato pensiero laterale.

Cos’è il pensiero laterale?

Il pensiero laterale, termine coniato nel 1973 da Edward De Bono e descritto in un libro dal titolo Lateral thinking: creativity step by step, è un insieme di soluzioni tecniche non convenzionali orientate a riesaminare un problema evidenziando nuove associazioni e relazioni che potrebbero non essere chiare quando al problema si accede attraverso il pensiero verticale.

Il pensiero verticale è un pensiero strutturato come una ricetta di cucina dove, seguendo tutte le istruzioni, alla fine non saremo sorpresi da ciò che uscirà dal forno. Si tratta di un processo prevedibile, come il risultato che otterremo.

Viceversa, il pensiero laterale impiega diversi percorsi per risolvere un problema, e questi diversi percorsi possono portare a diverse soluzioni.

pensiero-laterale-verticale-consulenza-seo-bologna-ferrara-cento-creazione-siti-web-creazione-loghi-immagine-coordinata-raffaele-de-sandro-salvatiDe Bono ha spiegato che per tentare di risolvere problemi occorrono più risposte creative che possono arrivare lateralmente riesaminando una situazione od un problema da un punto di vista completamente diverso e più creativo.

Il gatto e il vaso rotto

Immagina che rientri a casa dopo aver trascorso un weekend fuori con la tua famiglia e trovi il vaso preferito di tua madre rotto sul pavimento accanto al tavolo da pranzo. Osservando attentamente la scena del crimine, si dimostra che le impronte del gatto sono chiaramente visibili sulla superficie del tavolo. Ovviamente, il gatto è in grossi guai. Giusto?

L’ipotesi più logica è che il gatto camminava sul tavolo ed urtando contro il vaso, lo aveva fatto cadere sul pavimento. Ma questa è una ipotesi lineare. Che cosa succede se diversifichiamo la sequenza degli eventi?

Un pensatore laterale potrebbe prendere in considerazione che il vaso si è rotto prima che il gatto sia salito sul tavolo. Cosa potrebbe aver causato la rottura del vaso? Forse un piccolo terremoto avvenuto mentre tu ed i tuoi familiari eravate fuori città? La terra tremante, le vibrazioni provocate dal tremore, il vaso cade dal tavolo e si schianta a terra, il gatto si impaurisce e salta sui mobili. Si tratta di una possibile risposta!

Conclusioni

De Bono afferma che il pensiero laterale è necessario per trovare soluzioni a problemi complessi. Difatti gli investigatori applicano il pensiero laterale per valutare le prove, interpretare le fonti e risolvere i crimini poiché la sequenza degli eventi può essere più complessa di come può sembrare a prima vista.

Il pensiero laterale è una tecnica particolarmente utilizzata anche dagli scrittori. Quando si scrive un racconto, per esempio, il pensiero laterale può essere uno strumento efficace per creare colpi di scena.

Conosci i miei servizi?

SCOPRI

Posted on 11 novembre 2015 in Graphic Design, OFF

Share the Story

About the Author

Mi chiamo Raffaele De Sandro Salvati, sono nato a Foggia ed ho compiuto 25 anni, venti anni fa. Ho iniziato ad occuparmi di computer grafica, 3D design e computer animation nel 1992. Due anni dopo effettuo le prime esperienze di computer art, progettazione grafica nel campo editoriale e pubblicitario e trasferitomi a Bologna, dal 1996 al 2000 ho svolto la libera professione nel settore immagine e promozione interessandomi di grafica web and multimedial design per cd-rom interattivi. Dal 2000 e per 11 anni ho prestato servizio presso un’azienda commerciale bolognese come controller, esperienza che mi ha permesso di conoscere l’organizzazione ed il funzionamento di tutti i processi aziendali. Trasferitomi a Cento, provincia di Ferrara, nei tre anni a seguire mi sono occupato di Comunicazione Politica, Associativa e Web per associazioni no-profit. Dal 2015 mi occupo di tutto quello che riguarda le problematiche legate all’analisi, l’implementazione e le strategie di comunicazione e promozione di una qualsiasi attività su Internet.
Back to Top